Caffè culturale "LetterAr-Thè"

Il Blog di Storia dell'arte, Letteratura&Libri, Storia, Cinema, Fotografia e Arte culinaria. Uno spazio di condivisione aperto a tutti che ha lo scopo di far conoscere in modo semplice il mondo culturale.

Nata a Venezia il 12 gennaio del 1673, Rosalba Carriera fu una fra le maggiori ritrattiste e una delle principali artiste di riferimento del Settecento veneziano.

Ebbe un’educazione artistica completa che comprendeva, oltre la pittura, lo studio della musica e il ricamo, la tipica attività cui si dedicavano le giovani donne a quei tempi.

Ma Rosalba Carriera si discostò decisamente dallo stereotipo femminile della damina settecentesca tutta capricci e frivolezze, tanto che ella stessa si impegnò nel creare una sorta di circolo cui facevano parte personaggi illustri dell’ambiente artistico e letterario. Nel 1705 viene ammessa all’Accademia di San Luca di Roma dopo aver presentato il dipinto intitolato Fanciulla con colomba.

Quando tra il 1719 e il 1720 giunsero a Parigi alcune delle maggiori personalità veneziane tra cui Anton Maria Zanetti il Vecchio e Gian Antonio Pellegrini, la stessa Carriera non mancò di soggiornarvi. La pittrice fu ospite di Pierre Crozat, tesoriere del regno e collezionista raffinato, nel suo Hotel di Rue de Richelieu dall’aprile del 1720 al marzo del 1721.

La Carriera mostrò fin da subito di preferire una pittura chiara e sostenuta da una certa fermezza nel disegno; dimostrando inoltre di preferire la tecnica del pastello, accanto a quella della miniatura a tempera e di prediligere il ritratto di tipo “intimistico” che la rese famosa.

La fortuna della Carriera non fu tanto in patria, a Venezia, quanto piuttosto presso una committenza cosmopolita, europea. Ricevette infatti committenze da parte di Massimiliano II di Baviera nel 1704, da parte del re Federico IV di Danimarca nel 1709, dal principe di Sassonia e futuro re di Polonia, Augusto III, che le aprì le porte per nuove committenze nella sua corte.

A Parigi la Carriera si trovò al posto giusto nel momento giusto poiché vi aveva trovato un rinnovamento della tradizione accademica grazie alla presenza dei pittori Charles La Fosse e Antoine Watteau, che stavano lavorando in senso antiaccademico al superamento della gerarchia dei generi pittorici.

In tale contesto il successo della pittrice veneziana fu assicurato e nello stesso tempo di proporzioni inaspettate; diventò ritrattista alla moda perfezionando il modo di dipingere i suoi personaggi, colti in maniera intimistica e psicologica. La Carriera entrava nella psicologia del personaggio per riportare fedelmente le apparenze fisionomiche semplificando al massimo la struttura compositiva del ritratto per far sì che l’attenzione si concentrasse sui volti. Oltre ad essere una gran ritrattista, la pittrice venne spesso richiesta per commissioni più impegnative come il ciclo dei Quattro Elementi, conservato alla Galleria Corsini di Roma, iniziato nel 1741 e portato a termine nel 1743.

carriera_rosalba_la tragedia_Copia

Nel 1746 contrasse una malattia agli occhi che la portò alla totale cecità, nonostante diversi interventi alla cornea, e la costrinse ad abbandonare la sua attività pittorica. Dovette trascorrere gli ultimi anni della sua vita senza poter dipingere e in uno stato di triste angoscia che la portò quasi alla follia.

Dipinse proprio intorno al 1746 uno dei suoi autoritratti più noti, quello in cui si sarebbe ritratta nei panni della Tragedia, assai diverso dal famoso autoritratto giovanile del 1715 e conservato agli Uffizi, dove si rappresentò insieme alla sorella, dipinta su una tela.

Si spense nella sua città natale il 15 aprile 1757 dopo aver dedicato un’intera vita alla pittura e alla ritrattistica, la sua passione.

Sara D’Incertopadre

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...