Caffè culturale "LetterAr-Thè"

Il Blog di Storia dell'arte, Letteratura&Libri, Storia, Cinema, Fotografia e Arte culinaria. Uno spazio di condivisione aperto a tutti che ha lo scopo di far conoscere in modo semplice il mondo culturale.

I trattati di pace stipulati dopo la prima guerra mondiale, avevano imposto all’Albania un regime democratico. La presenza di bande armate sullo stile mafioso, rendeva però possibile che un qualunque capo banda di una certa intraprendenza poteva impossessarsi del potere. Un certo Ahmed Zogolli, infatti, nel giro di pochi anni divenne re col nome di Zog. Nato nel 1985, aveva studiato a Costantinopoli e quando l’Albania passò sotto il dominio di Vienna, entrò nell’esercito austriaco e diventò colonello. Congedato alla fine della prima guerra mondiale, rientrò in Albania diventando deputato. La sua astuzia, unita a un notevole coraggio e a mancanza di scrupoli, lo portò a diventare prima ministro degli Interni e, in seguito, primo ministro. Dopo un primo tentativo di instaurare una dittatura, capì che nessuno poteva governare in Albania senza l’appoggio di una potenza straniera. Provò prima con la Jugoslavia, dove era riparato dopo il tentativo di colpo di stato, e poi con l’Italia. Mussolini considerava da sempre l’Albania, un protettorato italiano, rivendicando il monopolio delle attività minerarie, della pesca nell’adriatico e del credito. In effetti, l’Albania, con la sua povertà atavica, (non riusciva a produrre nemmeno i cereali per il fabbisogno interno) costituì per l’Italia solo un gravame, senza quei vantaggi che il fascismo aveva sperato. Foraggiato da Mussolini, Zog fece presto a riconquistare il potere, divenendo in breve tempo presidente della Repubblica e tre anni dopo, in cambio di una dichiarazione di eterna fedeltà all’Italia, il Duce gli consegnò la corona di Re.

Nonostante fosse mantenuto dal denaro italiano, re Zog non sopportava quella dipendenza economica  e incoraggiava altri paesi a fare concorrenza all’Italia. Lo storico Denis Mack Smith sostiene che perfino il Giappone ebbe contatti commerciali con l’Albania. A questo punto il ministro degli Esteri Ciano propose al Duce di annettere l’Albania, provocando dei moti popolari contro re Zog che avrebbero giustificato un’invasione italiana del paese.

In un suo rapporto Ciano scrive: <<Il popolo, le cui condizioni di miserabilità sono tali da richiamare al pensiero quelle dei villaggi cinesi lungo loYang-tsé, male sopporta l’esistenza e lo sviluppo e l’ostentazione di una Corte, che è da operetta per il tipo e le abitudini dei suoi componenti, ma che grava in modo insopportabile sulle finanze pubbliche…>>.

Ciano ebbe dal Duce nel maggio del 1938 un generico assenso a preparare l’azione. Indro Montanelli sostiene, nella sua opera “Storia d’Italia”, che Ciano, nella sua spregiudicatezza, avesse perfino progettato l’assassinio di Zog, commissionandolo al ministro di Stato Koçi, dietro compenso di dieci milioni. Mussolini, anche per i dubbi espressi da Vittorio Emanuele, iniziò ad avere perplessità sulla possibilità di invadere l’Albania per le conseguenze che un tale atto avrebbe avuto a livello internazionale. Perciò propose a Ciano un patto da sottoporre a re Zog che avrebbe salvato le apparenze. Con il trattato sarebbe stato autorizzato lo sbarco di truppe italiane nel paese, non come occupanti ma come alleati “accomunando nello stesso destino i due Stai e i due popoli”, e garantendo l’Albania contro le mire espansionistiche tedesche nei Balcani, dopo l’invasione della Cecoslovacchia.

Ma perché tanto interesse da parte di Ciano per l’Albania? Ciano insisteva per l’invasione quasi come se fosse una guerra personale. Già da qualche tempo trattava l’Albania come una proprietà di famiglia. Ribattezzò una città col nome di sua moglie e s’impossessò di residenze lussuose e riserve di caccia. Aveva consistenti fondi segreti da poter impiegare in vari modi e la polizia scoprì una rete di corruzione che coinvolgeva lui e i suoi amici in Albania. Denis Mack Smith, nel suo libro “Le guerre del Duce”, sostiene che paventava la possibilità che, per acclamazione popolare, potesse diventare lui re d’Albania.

sez6albania3

Quando Ciano sottopose il patto a re Zog, questi commise l’errore di indugiare a lungo, provando a prendere contatto con gli ambasciatori di altri paesi, in particolare l’Inghilterra, in cerca di aiuto. A questo punto il 31 marzo del 1939 fu preparato, a Palazzo Chigi, il piano d’invasione. Il 6 aprile le navi italiane salparono per Durazzo, dove le prime truppe italiane presero terra la mattina del 7 aprile. Se gli albanesi avessero provato a resistere è probabile che le truppe italiane sarebbero state ributtate nell’adriatico, tanta era l’impreparazione e la goffaggine dei soldati italiani. Solo il 29 marzo il capo di stato maggiore fu informato che si doveva invadere l’Albania. L’aviazione ricevette istruzioni soltanto due giorni prima dell’invasione. Ai soldati fu dato preavviso di soli poche ore e armati con armi che molti non avevano mai visto prima. Molti furono inseriti in compagnie di motociclisti senza aver mai guidato una motocicletta. Altri assegnati alle trasmissioni senza conoscere nemmeno l’alfabeto Morse. Tutto fu fatto con troppa fretta e senza nessuna preparazione, in assenza di un qualsiasi coordinamento tra esercito, aviazione e marina. Mussolini era a conoscenza dei così gravi difetti organizzativi e dell’impreparazione del materiale umano a disposizione, tanto da paventare il rischio di un fallimento dell’operazione. Ma l’inconsistenza della resistenza Albanese e la fuga di re Zog, girarono a favore degli italiani quell’invasione. Immediatamente la macchina della propaganda prese il sopravvento sui fatti per mascherare l’accaduto. Sulla stampa i resoconti ufficiali presentarono l’impresa albanese come un classico capolavoro di efficienza, organizzazione, potenza e coraggio italico. Il 16 aprile 1939 a Vittorio Emanuele III, già Re d’Italia e Imperatore d’Etiopia, fu consegnata la corona di Re d’Albania. Mussolini dichiarò agli italiani: <<Con l’unione dell’Albania, l’Impero è diventata una potenza formidabile, contro la quale si spunteranno le armi di chiunque volesse attentare alla sua sicurezza e alla sua integrità.>>.

L’Italia non aveva fatto né una grande guerra nè una grande conquista. Nel calcolo economico furono più i soldi spesi che quelli guadagnati, né vi furono i tre milioni d’italiani che Ciano prevedeva o sperava di insediare nelle campagne albanesi. Fu però la dimostrazione dell’impreparazione italiana a una guerra ben più drammatica e lunga che da lì a poco sarebbe iniziata in Europa, con l’invasione della Polonia da parte di Hitler.

Salvo Fumetto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...