Caffè culturale "LetterAr-Thè"

Il Blog di Storia dell'arte, Letteratura&Libri, Storia, Cinema, Fotografia e Arte culinaria. Uno spazio di condivisione aperto a tutti che ha lo scopo di far conoscere in modo semplice il mondo culturale.

La basilica cattedrale di San Giacomo di Compostela, situata nella regione spagnola della Galizia, è uno dei più celebri luoghi di pellegrinaggio del mondo. Fin dall’epoca medievale è meta di pellegrini che giungono da ogni parte del mondo con ogni mezzo per pregare nel luogo della presunta sepoltura di San Giacomo Maggiore. Secondo quanto narra la leggenda il corpo dell’apostolo Giacomo Maggiore, figlio di Zebedeo e cugino di Gesù, fu rinvenuto nel IX secolo d.C. nell’area dove sorge la cattedrale dall’eremita Pelagio. Giacomo, decapitato da Erode Agrippa I a Gerusalemme nel 44 d.C., fu il primo dei dodici apostoli ad essere martirizzato.

La tradizione riferisce che, dopo l’esecuzione, il corpo venne caricato su una barca dai suoi discepoli di Giaffa, in Palestina. Sette giorni più tardi, guidata dalla mano di Dio e dai venti favorevoli, l’imbarcazione raggiunse le rive di Iria Flavia sulla costa atlantica della Spagna, a 32 km di distanza dall’attuale Santiago. Al termine di un viaggio su un carro trainato da buoi, Giacomo fu sepolto esattamente nel punto in cui le bestie miracolosamente si fermarono.

Una prima chiesa intitolata a San Giacomo fu costruita all’inizio del IX secolo, per volere di Alfonso II delle Asturie. Successivamente, nell’899, sotto re Alfonso III, la prima chiesa fu rimpiazzata da un’altra più grande, in stile protoromanico. L’attuale chiesa, capolavoro assoluto dell’architettura romanica, fu costruita nel XII secolo e consacrata nel 1211.

Con la Controriforma l’afflusso di pellegrini divenne sempre maggiore tanto da portare il capitolo della cattedrale ad intraprendere considerevoli lavori di rinnovamento che presero il via nel 1658 con la nomina a sovrintendente generale del conte architetto José de Vega y Verdugo.

L’opera degli artisti che si avvicendarono nella costruzione dell’edificio durante l’arco di un secolo permette ancora oggi di osservare gli sviluppi dell’architettura barocca spagnola. José de Peña de Toro realizzò la porta della Quintana, la porta Santa, la cupola e parte della torre delle Campane, mentre Domingo Antonio de Andrade eresse la torre dell’Orologio. Nel 1738 l’architetto spagnolo Fernando Casas y Nóvoa iniziò la costruzione della facciata che portò a termine nel 1749.

La famosa facciata che si ammira oggi è detta “del Tramonto” poiché la sua posizione verso occidente fa sì che al tramonto il sole la illumini con incredibili sfumature dorate.

Questa facciata fu costruita allo scopo di proteggere il portico della Gloria dai danni delle intemperie alle quali era esposto. Il portico della Gloria, capolavoro della scultura romanica fu costruito per volere di re Ferdinando II di León tra il 1168 e il 1188, ad opera del Maestro Matteo. Il portico è costituito da tre campate voltate a crociera e presenta tre portali scolpiti, tramite i quali si accede alle navate. Il portale centrale, il più grande, è architravato e diviso al centro da una colonna, dove campeggia la statua dell’apostolo Giacomo.

Altare maggiore di San Giacomo
Altare maggiore di San Giacomo

La cosiddetta Capela Maior, cioè il presbiterio, è il cuore della cattedrale. Vi si trova il sontuoso altare maggiore, sormontato da un baldacchino. L’altare, opera di Juan de Figueroa, risale alla fine del XVII secolo e contiene la statua in pietra di Santiago, opera del XIII secolo influenzata dal Maestro Matteo, ricoperta da un mantello d’argento. I pellegrini, salendo una scala situata dietro l’altare, hanno accesso a un piccolo spazio dal quale è possibile abbracciare la statua e baciarne il mantello.

L’articolata struttura architettonica e la grande massa di pellegrini che la raggiungono ogni giorno hanno reso questa basilica cattedrale una delle più famose e visitate al mondo.

Sara D’Incertopadre

Annunci

2 risposte a "La cattedrale di Santiago di Compostela"

  1. GenioChiara ha detto:

    Una di quelle mete che sono certo raggiungerò, prima o poi!

    "Mi piace"

    1. saradincertopadre ha detto:

      Te lo auguriamo con tutto il cuore!

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...