Caffè culturale "LetterAr-Thè"

Il Blog di Storia dell'arte, Letteratura&Libri, Storia, Cinema, Fotografia e Arte culinaria. Uno spazio di condivisione aperto a tutti che ha lo scopo di far conoscere in modo semplice il mondo culturale.

Jean-Honoré Fragonard nacque a Grasse il 5 aprile 1732 da François Fragonard, un guantaio, e Françoise Petit. Compiuti sei anni, la famiglia si trasferì a Parigi dove rimase e lavorò per quasi tutta la vita. La sua forte inclinazione per l’arte comparve precocemente, sebbene il padre lo avesse mandato come apprendista presso un notaio. Ben presto le sue doti artistiche furono notate dal pittore François Boucher che lo inviò nell’atelier di Jean-Baptiste-Siméon Chardin.

Presso Chardin il giovane Fragonard studiò per sei anni, ma, a soli 14 anni, tornò da Boucher, presso il quale poté sviluppare le sue capacità, acquisire maggiore consapevolezza stilistica e guadagnarsi la stima del maestro, al punto che Boucher lo incaricò di eseguire per i committenti alcune copie dei suoi dipinti.

Fragonard2

Nonostante non abbia mai studiato all’Accademia, partecipò al prestigioso Gran Prix de Rome dell’Accademia reale, aggiudicandoselo nel 1752 con il dipinto Geroboamo che sacrifica agli idoli. Frequentò poi per tre anni la Scuola reale degli Allievi Protetti, che a quel tempo era diretta da Charles-André van Loo. Nel 1756 partì per l’Académie de France a Roma, assieme al suo amico Hubert Robert anche lui vincitore del Prix de Rome. A Roma i giardini ispirarono a Fragonard alcune delle visioni che sarebbero poi divenute ricorrenti in tutte le sue opere: giardini pensili, grotte, statue e fontane divennero teatro delle sue frivole e mondane scene di vita, profondamente influenzate dallo studio delle opere di Giovanni Battista Tiepolo a Venezia.

Fragonard si trattenne a Roma per cinque anni, fino all’aprile del 1761, quando lasciò la Città Eterna per tornare in Francia dopo un lungo viaggio, da aprile a settembre, che lo condusse a visitare Firenze, Bologna e Venezia. Durante il suo soggiorno italiano Fragonard, seguendo il suggerimento di Boucher, non prese troppo in considerazione i grandi maestri Michelangelo e Raffaello, ma si lasciò sedurre dal fascino dei pittori barocchi, dai Carracci, da Pietro da Cortona e soprattutto dal Tiepolo.

I soggetti dei suoi primi quadri erano stati perlopiù storici e religiosi, e al suo ritorno in Francia Fragonard si fece ancora apprezzare dall’Accademia per un suo Sacrificio di Coreso. Decise poi di abbandonare questi temi e smise persino di esporre al Salon. Si era reso conto di non poter competere, e tanto meno primeggiare, nel genere solenne con cui aveva iniziato e nel quale si impegnavano molti famosi artisti. Decise allora di passare alla pittura “leggera”, frivola e spesso maliziosa, fatta di scene allusive, spesso lascive o esplicitamente erotiche, ma sempre con estremo buon gusto. Grazie a questa scelta Fragonard ottenne un enorme successo, divenne il pittore di moda e poté accumulare una considerevole fortuna.

Fragonard3

I suoi colori delicati e il tocco spontaneo garantirono ai suoi più intimi e voyeuristici soggetti di non essere mai volgari, e i suoi lavori più belli hanno una vitalità irresistibile e risultano pieni di gioia. Dopo il matrimonio nel 1769 con Marie-Anne Gérard, eccellente pittrice miniaturista, anche lei originaria di Grasse, dipinse spesso bambini e scene di vita familiare, paesaggi, ritratti, e solo occasionalmente scene religiose.

Fragonard lavorò anche a corte fino alla Rivoluzione francese, poi, nel 1790, fu costretto a lasciare Parigi e a rifugiarsi a Grasse presso l’amico Alexandre Maubert. Rientrato a Parigi un anno dopo, nel 1793 divenne membro della “Comune delle arti”. In seguito l’Assemblea nazionale, per l’interessamento di Jacques-Louis David che tentava di aiutarlo, lo nominò Conservatore del Museo del Louvre. Da quel periodo in poi l’artista rimase quasi del tutto inattivo, conobbe i disagi della mancanza di lavoro e dell’essere stato dimenticato.

Ma i tempi cambiavano rapidamente. Con l’avvento del Primo Impero vi fu una drastica epurazione e nel 1805 tutti i Conservatori del Louvre furono espulsi per Decreto imperiale. Fragonard cadde in miseria, trovò una sistemazione appena decorosa presso il suo amico Veri, nelle gallerie del Palais Royal, ma l’anno seguente, nel 1806, per una congestione cerebrale o forse per una profonda depressione, morì all’età di 74 anni. Le esequie furono celebrate nella chiesa di Saint-Roch e la sepoltura avvenne nel vecchio cimitero di Montmartre, dove però la sua tomba oggi non è più riconoscibile.

Fragonard venne a lungo ignorato dalla critica; il primo a riscoprire la sua opera fu Billet Doux con il suo articolo del 1905 sul Cronier sale in Paris, con il quale Fragonard venne riscoperto dai galleristi. Erano passati cento anni dalla sua scomparsa e la sua arte veniva finalmente riconosciuta.

Sara D’Incertopadre

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...